Le ferite del corpo

di | 27 Novembre 2022

Come curare le nostre ferite

EMDRIl nostro corpo conserva i ricordi di ogni esperienza, come una mappa su cui poter ripercorrere il nostro percorso. Ferite e medaglie vengono appuntate anche quando speriamo di rimuoverle in modo definitivo o ne perdiamo memoria. Il corpo invece immagazzina tutto, senza tempo.

I ricordi più remoti possono avere lo stesso impatto di quelli più recenti quando non vengono adeguatamente affrontati e risolti. Ci si illude di archiviare un dolore non pensandoci più, mettendolo da parte, invece, il corpo continua a ricordare la stessa sensazione e l’emozione che lo accompagna. Mentre tutto scorre veloce lui invece conserva, rallenta i ritmi, richiedendo il giusto tempo per potersene occupare. Non sempre gli viene concesso, come se si ritenesse inutile soffermarsi troppo sulle emozioni che non ci fanno stare bene.

Purtroppo, ciò che non trova un adeguato defluire rischia di ristagnare e creare un pantano insieme a distorsioni del pensiero che attecchendo su un terreno instabile producono effetti controproducenti a una sana crescita. Il corpo, così come la psiche, tenta di riparare, di rimarginare le ferite, ma senza un’adeguata medicazione, questo processo può essere solo superficiale, apparentemente adattivo, ma incompleto.

Gli effetti dell’EMDR

Fortunatamente anche a distanza di tempo si può permettere ai ricordi di trovare il loro giusto canale di elaborazione e permettere alla ferita causata di rimarginarsi. L’EMDR è un trattamento utile a questo processo di elaborazione, consentendo ai ricordi di trovare il loro defluire, senza conservare pensieri e valutazioni disturbanti. Il passato torna ad essere parte della propria esperienza senza necessariamente comportarne un’influenza negativa.

Il dolore e la paura trovano la loro collocazione, i ricordi e i pensieri a essi associati riprendono il loro scorrere riportando a un processo di crescita adeguato. Nel caso di bambini o adolescenti le implicazioni sono ovvie, ma anche per quanto riguarda gli adulti i processi di crescita individuale non si arrestano mai e in psicoterapia spesso si assiste a nuove rinascite e a cambiamenti importanti.

Tornare a sentire il proprio corpo come un alleato e non un nemico da cui nascondersi può riavviare processi interrotti e riscoperte di sé a cui ancora non si voleva o non si riusciva a porre la giusta attenzione.

Se vuoi conoscere il tuo passato, sapere che cosa ti ha causato, allora osservati nel presente, che è l’effetto del passato. Se vuoi conoscere il tuo futuro, sapere che cosa ti porterà, allora osservati nel presente, che è la causa del futuro.

Hermann Hesse

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.